martedì, settembre 22News Importanti

PROGETTO LIBRAVO Biblioteca in Ospedale “Un libro per curare l’anima” BOOK THERAPY

PROGETTO
LIBRAVO

E’ ampiamente documentato da tutta la letteratura medica, come il non avere nulla da fare, da parte del paziente ricoverato in Ospedale, abbia sullo stesso una ricaduta in negativo.

Il rimuginare sulla propria malattia, il dover condividere lo spazio, a volte minimo, con altri pazienti, non contribuisce ad un buon tono dell’umore e della qualita’ della vita.

La lettura, da sempre, viene considerata un validissimo aiuto, in molte situazioni di disagio e di malattia, divenendo essa stessa un intervento di supporto terapeutico ,di benessere individuale,di arricchimento culturale. La Book Therapy non e’ una cosa dei nostri giorni, ma nasce da lontano: gia’ ai tempi degli antichi Egizi, il Faraone Ramses II aveva fatto incidere sulla sua biblioteca la scritta “ la casa per curare l’anima”. Negli Ospedali dell’antica Roma, vi era gia’ una libreria medica, e nel 13’secolo al Cairo, si leggeva il Corano ai pazienti per alleviare le loro sofferenze.

AVO ( Associazione Volontari Ospedalieri) Regione Sicilia, si fa promotore del Progetto AVOLIBRO “ Un libro per curare l’anima”

unitamente alle AVO di Mazara del Vallo, Marsala, Salemi, Castelvetrano.

AVO, con i suoi volontari, opera nelle strutture ospedaliere per assicurare una presenza amichevole accanto ai malati, offrendo loro calore umano, sostegno, dialogo, e un aiuto contro la noia.

Il progetto si propone di poter dotare i vari reparti Ospedalieri di piccole biblioteche, fornite di libri, che il paziente, ma anche il parente, o il personale, possono liberamente prendere e leggere, senza alcuna restrizione.

In quelle realta’ in cui diventa difficile poter inserire una libreria, si potra’ usufruire di un carrello che i volontari possono portare in giro tra le corsie e quindi arrivare ai malati.

Per poter attuare il progetto, ci avvarremo di donazioni di libri da privati, da librerie, da enti, lo stesso dicasi per quanto concerne le librerie e/o i carrelli.

AVO curera’ la gestione del progetto, sia nella fase di preparazione che poi di gestione effettiva, tramite i volontari in servizio giornalmente.

In un’ ottica di miglioramento e di espansione del progetto, sarebbe auspicabile avere un locale, anche di piccole dimensioni, ove allocare la “ stanza dei libri “ magari arredata con due poltrone, cosi da poter dare la possibilita’ a chi puo’ lasciare il letto per qualche ora, di poter godere al meglio della lettura del libro scelto.

Il paziente, che decide di continuare a casa la lettura del libro, poiche’ dimesso, puo’ tranquillamente portarlo via, e decidere di restituirlo o tenerlo.

Inoltre, per i pazienti ipovedenti, o con altri problemi che possano impedire la lettura, il volontario si fara’ voce per loro, leggendo il libro scelto, coinvolgendo l’ascoltatore e portando benefici evidenti, soprattutto nei pazienti anziani.

Il progetto, pur semplice, assume una straordinaria importanza in un contesto , quello Ospedaliero, in cui la persona soffre oltre che per la malattia, per l’interruzione della quotidianita’, e per l’inedia che non trova soluzione.

La lettura, diventa cosi un alleato delle cure mediche, umanizzando e rendendo piu’ tollerabile il ricovero.

AVO REGIONALE SICILIA

 

Clicca per la scaricare la Brochure

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *